Il borgo di Piediluco

Piediluco è un piccolo borgo di altri tempi con sapori e atmosfere rilassanti e invitanti, si possono trascorrere intere giornate o una vacanze all'insegna dello sport, del buon mangiare e del relax, un connubio di emozione che ricaricano le forse e tolgono stress tipico della vita moderna.

 

Il piccolo centro di Piediluco è la località turistica che da il nome al lago, è un borgo di origine medievale che si distende sulla riva nord del lago, numerosi scavi archeologici hanno portato alla luce numerosi reperti, dimostrando la presenza di insediamenti collocabili nella tarda età del Bronzo e occupata poi dai Sabini intorno al III secolo a.C dai Romani.

Oggi il piccolo borgo, di origine borgo di pescatori, è un vivo centro turistico, con i suoi ristornatini che offrono una cucina semplice ma ricca di sapori con piatti tipici a base di salmerini e prodotti del lago.

Degne di nota sono la chiesa di San Francesco edificata per il ricordo del passaggio di San Francesco d'Assisi, edificata tra la fine del XIII, come si legge nell’epigrafe posta sulla facciata d’ingresso. L’edificio conserva preziosi reperti artistici del Quattrocento e del Cinquecento; sul portale sono scolpiti bassorilievi di pesci e strumenti per la pesca nel lago. Dal 1999 custodisce alcune reliquie di San Francesco, concesse dal Sacro Convento di Assisi per rinnovare la memoria del passaggio del Poverello.

Sulla Rocca Albornoz situata sul colle sovrastante il borgo, si possono ancora osservare alcune parti e tratti della cinta muraria. Costruita anteriormente all’anno mille, quale avamposto di Spoleto, fu successivamente abbandonata sul finire del ‘700, tuttora è possibile farci una breve visita.

Nel mese di agosto Il lago di Piediluco e il suo borgo danno vita alla Festa delle Acque dove ristorantini sul lago, gelaterie, locali notturni e la musica nei vicoli fanno da sfondo ai festeggiamenti e alle esibizione delle barche allegoriche e ai fuochi d'artificio.